INTEGRAZIONE PER IL SISTEMA IMMUNITARIO

In questo momento delicato per la nostra salute abbiamo bisogno di aiutare in nostro sistema immunitario a mantenersi in forma per contrastare al meglio gli agenti infettivi. Gli elementi essenziali per questo obiettivo sono le vitamine, soprattutto le vitamine C, D ed E, i sali minerali, le sostanze anti ossidanti. Questi principi sono contenuti soprattutto nella verdura e nella frutta. Ecco perché è importante assumerne una quantità adeguata nell’alimentazione quotidiana. Anche le proteine, mattoni essenziali per la costruzione delle molecole anticorpali, devono far parte della nostra dieta, soprattutto quelle contenute nel pesce, nella carne bianca e nei legumi. Da limitare invece l’assunzione di carboidrati, soprattutto zuccheri raffinati, in quanto creano nell’organismo uno stato “infiammatorio” che potrebbe favorire l’attecchimento di virus e altri agenti patogeni, la proliferazione della Candida e facilitare la deposizione del colesterolo sulla parete dei vasi arteriosi (aterosclerosi). Quando vi sia l’esigenza di garantire un apporto adeguato di tali sostanze, come in questo periodo, può essere indicata l’assunzione di integratori, possibilmente di qualità, ovvero ad alta purezza e biodisponibilità dei componenti. Attenzione però al fai da te: per esempio, un’assunzione esagerata di vitamina C può favorire la calcolosi renale in soggetti predisposti. Un’alimentazione adeguata contribuisce anche a mantenere “in forma” il nostro intestino. Questo viscere infatti non è un semplice “tubo” attraverso il quale il nostro organismo elimina i residui alimentari: è invece un importantissimo elemento del sistema immunitario; l’equilibrio della composizione della flora batterica che popola la sua superficie interna è essenziale per il buon funzionamento dell’asse psico-neuro-endocrino-immunitario (PNEI) ossia per il buon funzionamento di tutto l’organismo. Numerosi fattori (alimentazione sbagliata, inquinamento, abuso di farmaci e  altro) mettono a repentaglio questo equilibrio. I probiotici sono utili ma spesso non sono sufficienti. Può essere allora opportuno procedere a una “detossinazione” che si può ottenere assumendo una serie coordinata di integratori, secondo un programma ben preciso, che contribuiscono a riequilibrare il nostro organismo, preparandolo a contrastare con efficacia le aggressioni degli agenti infettivi.

Menù di San Valentino: carciofi e olive, fanno bene all’amore 💘

San Valentino: carciofi e olive, fanno bene all’amore 💘

Cari amici e cliente evitiamo di abusare con ostriche e champagne!
Affidatevi invece a questo MENU e alla tradizione mediterranea.

INGREDIENTI
coste di sedano mondate 120 gr – cipolla 70 gr – olive taggiasche sott’olio snocciolate 50 gr – carciofi 8 – limone – prezzemolo – vino bianco secco – olio extravergine di oliva – sale – pepe .

PREPARAZIONE

Per la ricetta dei carciofi trifolati con olive taggiasche, eliminate le foglie esterne più fibrose, spuntateli abbondantemente e svuotateli del fieno interno, poi teneteli in una ciotola con acqua fredda acidulata con succo di limone. Riducete in dadolata le coste di sedano e soffriggetele in un tegame con la cipolla tritata e 4 cucchiai di olio per 5′, poi unite le olive e, dopo altri 2′ di fuoco, i carciofi sgocciolati e divisi a metà.

Fateli insaporire a fuoco vivo per 2′ poi unite un bicchiere di vino, mezzo di acqua; salate e pepate, coperchiate, riducete la fiamma a metà e lasciate stufare per 15′, infine scoperchiate, alzate il fuoco al massimo e fate restringere il fondo per 5′.

Spegnete, completate con abbondante prezzemolo tritato, poi trasferite i carciofi nel piatto da portata e serviteli caldi con il loro saporito intingolo.

Gli ortaggi ambasciatori dell’amore sono quest’anno carciofi, capperi e olive (ma anche i cetrioli e gli asparagi): il loro sapore stuzzicante e le diverse consistenze saranno la chiave per coinvolgere i sensi del partner in un gioco di seduzione tra il sensuale e il culinario.

AUGURI e BUON APPETITO

Dott.ssa Maria Luisa Tognon
Info & appuntamenti 3483144767 ☎
Studio – via Piave 18 a Monfalcone

6 MOTIVI per tenere “DIARIO ALIMENTARE”

6 MOTIVI per tenere “DIARIO ALIMENTARE”

✔Aiuta a ridurre calorie ed eccessi
✔Tiene sotto controllo ciò che mangi
✔Tiene a bada i raptus di fame
✔Migliora il rapporto con il proprio corpo
✔Cambia le abitudini a tavola
✔Mette nero su bianco i risultati della dieta

Non solo ti aiuta a mangiare di meno e a sentirti più motivata nei momenti critici.

Ma a chi serve? È utile solo per chi segue una dieta oppure per tutti?

«Il diario alimentare può essere d’aiuto non solo a chi vuole perdere peso, ma anche a chi vuole imparare a mangiare in modo corretto, a chi vuole cambiare atteggiamento nei confronti del cibo e a chi vuole imparare ad avere un rapporto equilibrato con gli alimenti. Serve poi a chi mangia in modo incontrollato e sottovaluta lo spiluccamento fuori orario nel corso della giornata e a chi vuol farsi prescrivere una dieta personalizzata che tenga conto anche del proprio stile di vita», afferma la nutrizionista.

PRIMO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Tiene sotto controllo ciò che mangi↙

«Il diario alimentare aiuta a osservare e registrare le quantità di cibo che assumi durante il giorno. Aumenta le probabilità di seguire la dieta e potenzia in modo significativo la possibilità di perdere peso perché aiuta a prendere consapevolezza della quantità e della qualità, oltre che delle calorie e degli alimenti consumati nel corso della giornata. Diversi studi scientifici hanno rivelato che le persone che utilizzano un diario alimentare riescono a perdere peso più facilmente rispetto a quelle che non lo usano».

SECONDO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Aiuta a ridurre calorie ed eccessi↙

«Il monitoraggio dei pasti tramite un diario alimentare contribuisce alla buona riuscita di una dieta, qualsiasi essa sia. Riportando tutti i comportamenti giornalieri si riesce a prendere consapevolezza degli errori e delle cattive abitudini»

TERZO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Tiene a bada i raptus di fame↙

Quando siamo di fronte ad un rapporto quantomeno conflittuale con il cibo, il diario alimentare diventa uno strumento molto prezioso.

“Il diario alimentare risulta particolarmente efficace nei confronti del controllo delle abbuffate o del piluccamento continuo. In questo caso è fondamentale riportare l’umore, scrivere se ci sono stati dispiaceri, ansie o momenti di gioia, e soprattutto se queste emozioni diverse hanno comportato la conseguente modifica dell’assunzione di cibo o se al contrario l’assunzione di cibo ha causato un cambiamento nello stato d’animo. Indicare i segnali di fame/sazietà utilizzando una scala di valori da 1 a 5”

QUARTO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Migliora il rapporto con il proprio corpo↙

«Tenere un diario alimentare aiuta a riprogrammare la mente e la pancia. Il rapporto con il proprio corpo e con il cibo può talvolta essere conflittuale e complicato da portare a dimenticare ciò che si è mangiato durante il giorno o al contrario a sovrastimare ciò che si mangia, perdendo quindi il giusto equilibrio»

QUINTO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Cambia le abitudini a tavola↙

«Tenere il diario alimentare ti obbliga a focalizzare la tua attenzione sui sintomi psicofisici che girano intorno al cibo e aiuta a ragionare sulle cause o sugli effetti di una dieta sbilanciata così da trovare con il mio aiuto una risposta o una soluzione ai propri problemi»,

SESTO MOTIVO per tenere “DIARIO ALIMENTARE”
↘Mette nero su bianco i risultati della dieta↙

Il diario alimentare consente di avere maggiore consapevolezza dei successi raggiunti. «Attraverso questo strumento si ha una specie di “fotografia istantanea” della dieta e, allo stesso tempo, un monitoraggio dei cambiamenti positivi utile per rimanere motivati nel proseguire con la corretta alimentazione e a fare scelte alimentari adeguate e salutari».

Confrontando il diario con il cliente e possibile impostare un percorso nutrizionale efficace.

Dott.ssa Maria Luisa Tognon
Info & appuntamenti 3483144767 ☎
Studio – via Piave 18 a Monfalcone